mercoledì 26 febbraio 2014

BASTERA' FAR FUORI FRATES PER RISALIRE?

Fabrizio Frates sollevato dall’incarico.

Basterà questo a far risorgere la Pallacanestro Varese?


Era già nell’aria da un po’, ma dopo la brutta prestazione di domenica, non è stato più possibile evitare il cambio sulla panchina della Pallacanestro Varese.
Già da tempo Frates era continuamente e apertamente criticato dal pubblico, ma domenica, appunto, mentre la squadra povera di gioco e di idee affondava,  i cori all’indirizzo dell’allenatore sono diventati forti, pressanti ed unanimi. E’ vero che davanti a una squadra come Sassari, che tirava con percentuali stratosferiche, non c’era poi molto da fare, ma la contestazione di domenica era solo l’ultima, e la più forte, delle tante. La società ha risposto puntualmente sollevando l’allenatore.
Ad onor del vero l’impressione è che sicuramente non tutte le colpe erano del tecnico, visto che anche la squadra ha evidenziato problemi strutturali fin dall’inizio. In corso d’opera alcuni aggiustamenti sono stati fatti (vedi cambio della guardia e del pivot), ma purtroppo ciò non è stato sufficiente a rimettere in assetto una squadra che  ha anche evidenti problemi di regia.
A Frates si potrebbe imputare il fatto di non aver saputo creare un’intesa  tra lui e la squadra e di aver impostato un gioco piuttosto approssimativo senza riuscire a ottenere il meglio dai suoi giocatori. Uno su tutti Sakota, giocatore sicuramente difficile da gestire ma certamente molto valido ed utile in alcune fasi del gioco, che è stato relegato per troppo tempo in panchina ed utilizzato con poca continuità, oppure altri giocatori testardamente tenuti sul campo anche quando era evidente un cambio sarebbe stato più utile al gioco. In ogni caso Frates ha pagato per le sue scelte, ed ora toccherà alla squadra dimostrare con i fatti che, cambiato l’allenatore, anche le prestazioni cambieranno, altrimenti tutto sarà stato inutile.  Ora la palla passa al nuovo allenatore, Stefano Bizzosi, che conosce già ambiente e giocatori: in questo senso la scelta potrà dimostrarsi sicuramente valida.
Roberta Leoni
                                                                                                                                   

martedì 25 febbraio 2014

“DOLCI DI CUORE”

“DOLCI DI CUORE” DAL 26 FEBBRAIO IN TUTTE LE LIBRERIE

MADALINA POMETESCU prima vincitrice di BAKE OFF ITALIA pubblica il suo primo libro pieno di delizie pensate con amore “DOLCI DI CUORE” DAL 26 FEBBRAIO IN TUTTE LE LIBRERIE
Presentazione... del libro 11 MARZO ORE 18:30 in Mondadori (P.zza Duomo, Milano)

“Nelle pagine del mio libro trovate tutte le mie ricette preferite e qualche piccolo trucchetto casalingo per realizzare al meglio le vostre preparazioni. Spero che vi divertiate come me a sperimentarle, cambiarle, reinventarle.”

MADALINA POMETESCU, la giovane mamma di Perugia che poco più di un mese fa veniva incoronata prima vincitrice di “BAKE OFF ITALIA – DOLCI IN FORNO”, pubblica il suo primo libro dal titolo “DOLCI DI CUORE” edito da Rizzoli. Disponibile da domani 26 febbraio in tutte le librerie sarà presentato martedì 11 marzo presso lo store inMondadori di Piazza Duomo a Milano.

Madalina condivide con tutti gli amanti della pasticceria – sia quella riservata alle occasioni speciali sia quella adatta ai “vizi” di tutti i giorni – più di 80 ricette di dolci strepitosi pensati con il cuore: Ricette di base, Ricette economiche, Ricette per intolleranze, Ricette per una serata con gli amici, Ricette per bambini, I miei esperimenti, Le mie sfide creative. Per imparare a ritagliarsi tutti i giorni un attimo di vero piacere.

Dopo il grande successo della prima edizione che ha raggiunto 12,6 milioni di contatti unici, sono aperti i casting della seconda stagione di “BAKE OFF ITALIA – DOLCI IN FORNO”, il talent cooking show italiano dedicato al ‘bakery’, dal format internazionale targato BBC prodotto da Magnolia per Discovery Italia. I casting permetteranno di accedere alle selezioni del programma più dolce della tv in onda in autunno su REAL TIME (Canale 31 digitale terrestre free Sky canali 124, 125 e in HD, TivùSat canale 31).

Chi ha voglia di riscattarsi, di non perdere l’occasione di realizzare il proprio sogno e di mettersi in gioco con la propria precisione, competenza e creatività può compilare il form presente sul sito ufficiale di REAL TIME www.realtimetv.it/casting, incrociare le dita e sperare di potersi aggiudicare il titolo di “miglior pasticcere amatoriale d’Italia” come successo a Madalina Pometescu.

MADALINA POMETESCU è nata in Romania 27 anni fa, ma presto si è trasferita a Perugia, dove vive con il compagno Riccardo e la figlia Giulia, di 5 anni. Golosissima da sempre, solo tre anni fa ha scoperto che, oltre a essere molto brava a mangiare dolci, se la cava molto bene anche a prepararli. Si è dedicata alla pasticceria con grande passione e determinazione; doti che, insieme a talento, curiosità e fantasia, l'hanno portata a vincere la prima edizione di Bake Off Italia – Dolci in forno.
Altro...
 

DONNE IN CORTOCIRCUITO

DONNE IN CORTOCIRCUITO
Mostra di Nazzareno Barutta
Dal 2 al 9 marzo 2014 – Villa Gianetti, via Roma 20 – Saronno
Inaugurazione: sabato 1° marzo ore 18.00
Performance di Anella Todeschini
...
Apertura mostra: da martedì a venerdì 15.30/19.00 – sabato e domenica 10.00/12.30 - 15.30/19.00
Al termine della mostra, le opere esposte potranno essere acquistate
il ricavato sarà devoluto all’Associazione Rete Rosa

Nazzareno Barutta nasce a Saronno il 20 luglio 1961. Dopo essersi diplomato all’Accademia di Belle Arti di Milano, si trasferisce per un breve periodo a New York, dove, stimolato dal fermento culturale degli anni ‘80 inizia la sua ricerca artistica dipingendo per una galleria di Soho.

Nel 1994 forma il gruppo Scatolanera con il quale intraprende un progetto artistico volto ad utilizzare la scenografia come strumento capace di modificare le forme non solo delle cose ma della stessa percezione umana.Conclusasi questa prima esperienza, nel 1996 fonda a Milano - con Alessandro Gerardi, Giampaolo Kohler, Federico Tesio e Laura Trevisan - l’Alleanza Artistica Preparazione H con la quale attualmente collabora, realizzando “contaminazioni artistiche” che inglobano pittura e scultura, musica e recitazione.

Tutta la loro ricerca è improntata su tentativi di clonazione del mito che da sempre attraversa la storia dell’uomo, così da poterne attingere la forza vitale.

Nazzareno Barutta vive e lavora a Milano dove esercita l’attività di scenografo e dove inoltre organizza seminari tematici in collaborazione con l’Istituto Italiano di Fotografia.
Altro...


domenica 23 febbraio 2014

ARTE FRA SOGNO E BISOGNO

"ARTE FRA SOGNO E BISOGNO"

MALPENSAFIERE - Dal 20 marzo alle ore 9.00 al 23 marzo alle ore 19.00. Il concept della mostra vuole evidenziare il significato del “lavoro”dell’artista come strumento prezioso per rivitalizzare il tessuto sociale ed economico della Provincia di Varese, dell'Alto Milanese e non solo.

Sono invitati gli artisti che rivendicano spazi per lavorare e progettare insieme, lo scopo è sensibilizzare le città e i piccoli centri per promuovere l’etica e la sostenibilità dell’arte, editando progetti di carattere sociale, facilmente accessibili a tutti i cittadini.

A COSA SERVE L’ARTE?
L’arte modifica e trasfigura la visione del mondo e la relazione con l’altro, contribuisce a generare il cambiamento dei comportamenti, perchè educa al rifiuto del tutto subito ed ora, si oppone al consumo uso e getta, nega l’identificazione dell’opera in un mero oggetto di possesso e vanità.
L’arte non è merce! Eppure, può produrre lavoro e benessere, sia materiale che spirituale.
Il “sistema dell’arte”può essere un volano per l’economia, la valorizzazione dei beni culturali deve rientrare nelle politiche territoriali che, istituzioni, imprese, associazioni e liberi cittadini, sono chiamati ad attuare.

Tutti possono e devono concorre a far crescere l’immenso patrimonio culturale, esistente e sconosciuto che è la più grande risorsa del nostro paese.
L’arte abbraccia le periferie urbane e umane.

COME SI PUÒ FARE ARTE?
L’arte deve uscire dai consueti spazi di fruizione imposti dalle gallerie reali e virtuali.
Arte è il Sogno di creare bellezza per chi la fa e per chi la vive, ma è anche il Bisogno di individuare nuovi luoghi per realizzarla concretamente, e per riuscire a condividerla con un pubblico più ampio e coinvolto perchè gli vengono forniti gli strumenti per interagire direttamente con l’opera e l’artista.

L’arte è di tutti: tutti devono avere il diritto di conoscerla e farla!

COSA ABBIAMO PENSATO: PROPOSTE CONCRETE PER TUTTI!
È prevista una raccolta di firme intitolata:
COWORKING ART PROJECT affinchè artisti e semplici cittadini possano condividere risorse materiali, conoscenze, abilità, in comuni spazi di lavoro, da individuare e richiedere alle amministrazioni pubbliche con il concorso di associazioni e imprese, per realizzare opere a scopo sociale.

QUALI SONO LE OPERE A SCOPO SOCIALE?
Sono quelle che garantiscono l’esistenza dell’artista e delle sue opere per un vantaggio comune.
Ridisegnare le panchine di un parco, appendere quadri nelle biblioteche, negli ospedali, nelle scuole, negli
uffici comunali, nelle ASL, riqualificare con murales le periferie, allestire le piazze con sculture itineranti, edi-
tare mostre nelle stazioni e negli aeroporti, creare manufatti artistici che diano identità alle città e ai paesi...
L’elenco è lunghissimo e possiamo costruirlo insieme!
Metti in mostra la tua abilità creativa!

COME ADERIRE?
Partecipa all’evento su Fb
Invia una e-mail a: Humanitars14@gmail.com allegando le foto di almeno due opere attinenti al tema: “Arte tra sogno e Bisogno”, semplicemente devono rappresentare la tua visione di “sogno” e di “bisogno”, nel senso più ampio del termine.
Lo spazio è previsto per 18 artisti che avranno a disposizione uno spazio espositivo pari a mt3x2.
TERMINE ULTIMO PER L'INVIO DELLE OPERE: 14/03/2014
Maggiori dettagli saranno forniti quando riceveremo la tua e-mail che riporterà nell’oggetto:
Partecipo a “ARTE TRA SOGNO E BISOGNO”

COSTO
150/200€ per 4 giorni = 37,5/50€ al giorno per dar voce e dignità al tuo lavoro in uno spazio di grande affluenza!

DOMENICA JAM DI WRITING LIBERO!!!!!
organizzato in un apposito spazio coperto!!!

Expo a cura di:
Concept: Ornella Nicola
Organizzazione: Giorgio Re

UN VARESE MESSO MALE IN CAMPO SI SALVA ALLA FINE

VARESE - AVELLINO 1-1 

Poche parole per commentare una gara alla fine fortunata. Il Varese contro l'Avellino si è salvato all'ultimo secondo grazie ad una svista arbitrale, potrebbe anche essere grazie alla giustizia del calcio, che spesso premia quando gli avversari sbagliano facili reti. Comunque è andata un punto in tasca siamo riusciti a mettercelo, nonostante gli assenti illustri, i presenti fiacchi, vedi Pavoletti, ma soprattutto nonostante uno schieramento tattico risultato inadeguato dopo dieci minuti di gara. Le tre punte senza centrocampo proprio non si è capito il perchè? Dopo la rete dell'Avellino ancora più confusione, 4 punte, centrocampo ancora più inesistente, difesa approssimativa, ma il Signor Gautieri, almeno lui, ci ha capito qualcosa? Dalle sue parole in conferenza stampa sembrerebbe di si? Al di là delle chiacchiere, visto il futuro difficile che ci attende, tra infortuni, diffidati e la confusione non dichiarata del Mister, mi auguro che il cuore in campo non manchi mai, l'unica certezza per la salvezza.

Antonio Messina

SANREMO BELLE LE CANZONI SPETTACOLO PIETOSO

SANREMO BELLE LE CANZONI SPETTACOLO PIETOSO
VINCE ARISA CON "CONTROVENTO"

Le canzoni nel complesso non erano male, è lo spettacolo che è stato penoso dall'inizio alla fine, Fazio che fa l'amico di tutti e la Litizzetto che dice parolacce, la RAI è proprio alla frutta, mi meraviglio di Ligabue che ha voluto far parte di questo scempio, lasciamo perdere la storia di Sinigallia, la canzone bella però se ci sono delle regole ci sono o no, la prossima volta tutti così dovrebbero fare, vista la promozione gratuita che ne uscita...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/23/sanremo-2014-vince-arisa-le-pagelle-dellultima-serata-del-festival/891293/

sabato 8 febbraio 2014

L'ICONA DEL LAGO DI BARBARA ZANETTI

L'ICONA DEL LAGO DI BARBARA ZANETTI IN VERSIONE EBOOK
"L'icona del lago" di Barbara Zanetti in versione ebook all'interno della collana "indies g&a".
http://www.grandieassociati.it/

Un thriller emozionante, ricco di misteri irrisolti e di ...personaggi ambigui, grazie a cui Barbara Zanetti ci accompagna in quella provincia borghese e annoiata, rintracciabile non soltanto nel profondo Nord dell’Italia, dove gli immigrati lottano per sopravvivere, mentre i più ricchi si concedono il lusso, e perché no, il brivido, di infrangere la legge.

Una donna morta. Un’indagine. Un’indagine parallela. Una storia d’amore. Viaggio nei segreti della provincia italiana ancora ricca, bella e perduta. “L’icona del lago” vi conquisterà con i suoi protagonisti così veri. Alcuni, impegnati nel difficile mestiere di vivere, altri, di farla franca, sempre e comunque.
Un ritratto crudele di certa borghesia che ancora resiste, nell’Italia degli immigrati che cambia. Una fotografia della realtà che fa riflettere ma anche sorridere. Un racconto crudele, ma anche una testimonianza di incondizionato affetto per una terra di confine.

DOLCE LA VITA CON DAVIDE PISANO

DOLCE LA VITA CON DAVIDE PISANO
Da un giovane pasticcere varesino un libro di ricette per tutti.
Sabato 15 febbraio presentato il libro “Dolce la vita con Davide Pisano” alla Libreria del Corso di Varese.

Nasce il primo libro di Davide Pi...sano, giovane e brillante pasticciere di Venegono, in provincia di Varese: “Dolce la via con Davide Pisano” è un ricettario dettagliato nei minimi particolari dedicato a tutti gli appassionati di pasticceria che vorranno approfittare dei segreti dell’autore per cimentarsi nella realizzazione di torte, mousse, biscotti, muffin e pasticcini di ogni tipo. Il libro sarà presentato sabato 15 febbraio a Varese presso la Libreria del Corso di Varese alle ore 18.30 con una dimostrazione da parte del pasticcere che preparerà alcune ricette speciali per il pubblico, con a seguire dolci assaggi.

Oltre a numerose preparazioni base, come la pasta frolla, la millefoglie, il pan di spagna, il libro contiene 40 ricette che ogni appassionato di cucina potrà riprodurre grazie alla descrizione minuziosa supportata da un’ampia galleria fotografica che accompagna passo per passo ogni ricetta. Inoltre vengono proposte alcune ricette in versione salutistica, ideali per chi desidera una pasticceria leggera o per chi ha particolari necessità dovute a intolleranze alimentari: tante ricette quindi di dolci senza uova, senza latticini e senza glutine.

Il libro nasce dal desiderio di Davide di condividere l’esperienza maturata nel proprio laboratorio di Venegono Superiore (VA) e nelle sessioni di corsi da lui tenuti da anni con grande successo. Davide Pisano è infatti, non ancora trentenne, una delle figure più positive e intraprendenti del settore e uno dei punti di riferimento per la pasticceria del suo territorio, la provincia di Varese.

Il pasticcere varesino Davide Pisano Dolce la vita è il primo titolo della collana di White Edizioni riservata alla cucina e alla pasticceria. Una collana di scoperta di nuovi talenti, ma anche uno spazio per confermare autori già noti e aff­ermati.



Note sull’autore

Davide Pisano nasce a Como nel 1985. Frequenta la Scuola Alberghiera “De Filippi” di Varese. Contemporaneamente fa esperienza in diversi alberghi e ristoranti prestigiosi. Più tardi accrescerà la sua formazione con il maestro Patti Agostino, che gli trasmetterà la passione per il dolce. Da qui l’apertura del primo laboratorio a Venegono Superiore nel 2007. Davide decide di perfezionarsi alla Boscolo Etoile frequentando diversi corsi di pasticceria professionale. Nel 2010 fa un ulteriore passo: apre il punto vendita “La Pasticceria di Davide” e un laboratorio distaccato ancora più grande. Organizza corsi e seminari di cucina e di pasticceria per professionisti e amatori. Lo stile unico e il brillante ottimismo gli stanno regalando grandi successi.

ANTONIO ALBANESE in PERSONAGGI

I PERSONAGGI DI ANTONIO ALBANESE ALL'UCC TEATRO DI VARESE: Venerdì 21 e sabato 22 febbraio 2014 ore 21
ANTONIO ALBANESE in PERSONAGGI
testi di Antonio Albanese, Michele Serra e Piero Guerrera
regia di Giampiero Solari
http://www.teatrodiva...rese.org/spettacolo/antonio-albanese-in-personaggi/
Che cosa hanno in comune i mille volti con i quali Antonio Albanese racconta il presente? L’umanità. Lo spettacolo Personaggi riunisce alcuni tra i volti creati da Antonio Albanese, aggiornandosi nel corso delle stagioni con le sue nuove creazioni, diventando un po’ un “meglio di” della sua carriera: dall’immigrato che non riesce a inserirsi al Nord, all’imprenditore che lavora 16 ore al giorno, dal sommelier serafico nel decantare il vino, al candidato politico poco onesto, dal visionario Ottimista “abitante di un mondo perfetto” al tenero Epifanio e i suo sogni internazionali. Maschere e insieme caricature della nostra società, visi conosciuti che si ritrovano nel vicino di casa, nell’amico del cuore, in noi stessi, e che proprio per questo abbiamo imparato ad amare: perchè portano in scena la nevrosi, l’alienazione, il soliloquio nei rapporti umani e lo scardinamento affettivo della famiglia, l’ottimismo insensato e il vuoto ideologico che contraddistinguono la nostra società, e in qualche modo, attraverso una risata, ci curano da tutto questo.

Venerdì 21 e sabato 22 febbraio 2014 ore 21
ANTONIO ALBANESE in PERSONAGGI
Prezzi
INTERI Platea € 36,00 1 Galleria € 32,00 2 Galleria € 28,00
RIDOTTI Platea € 32,00 1 Galleria € 28,00 2 Galleria € 24,00
Platea € 30,00 1 Galleria € 26,00 2 Galleria € 22,00
Visualizza altro