martedì 26 agosto 2014

MUSICA e SCIENZA

“MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI VENEZIA”
Un connubio senza precedenti tra
MUSICA e SCIENZA
approda al cinema:

VITTORIO COSMA / GIANNI MAROCCOLO 
RICCARDO SINIGALLIA / MAX CASACCI
FIRMANO LA COLONNA SONORA DEI FILM

“La Vita Oscena” di Renato De Maria
“Italy In A Day” di Gabriele Salvatores

Creatori di suono e sperimentatori, tutto questo sono i DEPRODUCERS, il collettivo artistico composto dai quattro produttori Vittorio Cosma, Gianni Maroccolo, Riccardo Sinigallia e Max Casacci che, con il primo progetto discografico “Planetario”, hanno creato un connubio inedito tra musica e scienza.

I quattro musicisti e produttori, eccellenze indiscusse della scena musicale italiana, proseguono il loro sodalizio a nome DEPRODUCERS e firmano le colonne sonore originali di due film che verranno presentati alla prossima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia: “La Vita Oscena” di Renato De Maria (tratto dall’omonimo romanzo di Aldo Nove), primo progetto cinematografico con cui i DEPRODUCERS si cimentano (in concorso nella sezione “Orizzonti”), e “Italy In a Day” di Gabriele Salvatores (presentato tra gli “Eventi Speciali”).

Entrambe le colonne sonore sono prodotte ed edite da Ala Bianca (con la partnership di Indiana Tunes per il film Italy in a Day).

Inoltre, nella Sezione “Giornate degli Autori” figura (fuori concorso) il film “The Lack”, con la regia dei Masbedo (Nicolò Massazza, Jacopo Bedogni), la cui colonna sonora è composta e realizzata da Vittorio Cosma e Gianni Maroccolo, e sempre edita da Ala Bianca.


«Certe verità scientifiche sono poetiche quanto un testo di Bob Dylan»

(Vittorio Cosma)



www.deproducers.it

martedì 12 agosto 2014

ROBIN WILLIAMS NON C'E' PIU'

ROBIN WILLIAMS

https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=ROBIN+WILLIAMS&tbm=nws

E' morto, forse suicidato, con tutte le emozioni che ci ha regalato vivrà per sempre nel nostro cuore, peccato, davvero peccato....
Vogliamo ricordarlo per ciò che ha fatto e non rimpiangerlo per ciò che ancora avrebbe potuto fare:

http://it.wikipedia.org/wiki/Robin_Williams

mercoledì 6 agosto 2014

CRISI DELLA MUSICA IN ITALIA

OCCHIO ALL'INGANNO DEI TALENT MUSICALI, IL MONDO DELLA MUSICA NON E' UNA LOTTERIA MA TANTO "SANGUE E SUDORE" E CRISI....

LA PRODUZIONE E LA DIFFUSIONE DELLA MUSICA IN ITALIA: UN SETTORE IN GRAVE STATO DI DIFFICOLTA'. SERVE UN FONDO STRAORDINARIO PER LA MUSICA.

DOPO L’ESTATE, CAUSA ANCHE IL MALTEMPO, A RISCHIO CHIUSURA CENTINAIA DI REALTA’ PRODUTTIVE DELLA DISCOGRAFIA E DELLA MUSICA INDIPENDENTE,
DELLO SPETTACOLO DAL VIVO E DEI FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE CONTEMPORANEA E PER GIOVANI TALENTI,
CON MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO A RISCHIO E CON LA PROSPETTIVA DEL CROLLO DI UNA RETE DI CREATIVITA’ FONDAMENTALE ANCHE DAL PUNTO DI VISTA SOCIALE:

SI CHIEDE CON FORZA UN INTERVENTO URGENTE E CONCRETO DEL GOVERNO PER UN SETTORE IN GRAVE STATO DI DIFFICOLTA’ CON LO STANZIAMENTO DI UN FONDO STRAORDINARIO.

Con le quote di musica italiana in tv e radio si puo’ creare un volano occupazionale di oltre 15 mila persone: oltre 1000 firme con Eugenio Finardi, Paolo Fresu, Paolo Belli e tanti altri, sara’ riproposto al Mei 2014

Al Mei di Faenza di fine settembre si prepara una clamorosa protesta: la cancellazione dei video da YouTube se proseguisse la campagna di aggressione della telefonia, del mondo del pc e dei social verso il mondo indipendente e gli artisti emergenti.

Nel paese che ha “inventato” la musica, nessuno sta pensando a una situazione di grave difficoltà del settore musicale provocata dalla generale crisi economica, dalla mancanza di risorse e dalle strutture, a volte ancora antiquate, che governano il settore.

Gli Indipendenti non vanno in vacanza, e’ molto piu’ probabile che non li si ritrovi piu’ al ritorno dalle vacanza: la situazione della musica indipendente, dei gruppi emergenti, degli artisti che cercano tutti i giorni di esprimere la loro creativita’ e’ oramai al collasso.
E questa estate ci si e’ messo anche il maltempo a complicare maledettamente tutto, le serate cancellate sono centinaia, anzi sono migliaia in tutta Italia con la perdita di introiti fondamentali per tutto l’anno come i cachet per i live, gli ingressi per i festival, le vendite dei cd e del merchandising durante i concerti, tutti ricavi purtroppo irrimediabilmente perduti per danni di decine di milioni di euro..


Anche quel piccolo sostentamento che poteva arrivare dalla stagione estiva, storicamente quella piu’ ricca di occasioni per i live nei festival, nei locali all’ aperto, nelle feste stagionali, nelle manifestazioni di piazza, e’ venuto in gra parte a mancare.

E per tutti i giovani che fanno della creativita’ musicale la loro principale passione, e’ notte fonda: sono tutti destinati ad alimentare, in gran parte, le schiere di disoccupati alla ricerca disperata di un sostentamento economico per portare avanti la loro passione, alla merce’ di sfruttatori di ogni tipo.


Nessuno fra coloro che in questo momento hanno in mano le grandi risorse economiche e mediatiche del settore, pare voler realmente sostenere la creatività dei giovani e il futuro della musica nel nostro paese. Senza investimenti, purtroppo, capaci di guardare al futuro non c'è futuro per la nuova musica italiana.



In In questi ultimi tre mesi nei confronti dell’equo compenso, cioe’ il giusto salario che le multinazionali della telefonia, del pc e dei social devono riconoscere agli artisti diminuendo i loro lauti utili, abbiamo fatto una battaglia per togliere profitti alle multinazionali e riversarli sulla filiera musicale italiana: ci saranno per il settore 300 milioni di euro in piu’ l’anno che non voleranno piu’ all’estero: su questo chiediamo un piano di investimenti per i giovani con un tavolo tecnico con il Ministero dei Beni Culturali capace di riempire di supporti il Decreto Valore Cultura che supportava le opere prime e facilitava i piccoli live e con altri interventi di sistema (la promozione della musica italiana all’estero, sgravi per gli investimenti on line, etc.).



E’ necessaria con urgenza una profonda trasformazione che schieri tutta la tradizionale filiera musicale e a sostegno della produzione musicale, soprattutto giovanile e made in Italy.

Serve tornare a fare crescere nel breve periodo gli introiti per gli autori ed editori e produttori e artisti piu’ piccoli, ad integrare sgravi e facilitazioni per abbattere i costi per la musica dal vivo, soprattutto per emergenti non profit e live in particolari ambienti sociali e culturali e di allargamento della musica live alla nuova produzione italiana, rendendo possibili ogni tipo di contest nelle scuole e nei piccoli club e in ogni altro nuovo spazio; si faciliti anche al massimo l’ottenimento dei bollini per le produzioni indipendenti, oltre ad attivare un piano di investimenti straordinari per il settore, con particolare riferimento alle piccole produzioni; mentre, infine, si inseriscano, come in Francia, le quote di musica italiana in tv e radio, capaci di mantenere ogni anno in Italia 45 milioni di euro di diritti e capaci di creare oltre 15 mila posti di lavoro per il settore, una campagna di successo lanciata al Mei 2013 che ha raccolto oltre 1000 firme di operatori del settore e di alcuni tra i piu’ importanti artisti di ogni area musicale (Eugenio Finardi, Paolo Fresu, Piero Pelu’, Paolo Belli, Pierpaolo Capovilla, Piotta, Cristina Dona’, Riccardo Tesi, solo per citarne alcuni, e tantissimi altri) oltre a una richiesta da parte di oltre 30 senatori di ogni area politica presenti in Senato, guidati dal Senatore Stefano Collina.



E’ del tutto evidente che siamo di fronte a una politica che deve tornare a mettere al centro del mercato i piccoli artisti e produttori, che sono il tessuto fondamentale della innovazione della creazione artistica.: una politica di settore che metta al centro del mercato dei diritti e del web le nuove produzioni del nostro paese, così come faciliti gli investimenti nel settore musicale allargando l’Art Bonus anche alla nuova produzione made in Italy della musica.



Su tutti questi temi è indispensabile un intervento urgente del Governo come avviene per gli altri settori in crisi. Parliamo infatti di un settore che occupa oltre 400 mila persone con 125 mila piccole e medie imprese e fattura complessivamente intorno ai 2 miliardi e 500 milioni di euro calcolando ogni segmento del settore musica.



Chiediamo, quindi, visto che si tratta di un settore strategico dell’immagine dell’Italia nel mondo e strategico per l’occupazione interna, al Governo di istituire un Fondo Straordinario per la Nuova Musica Indies finalizzata agli Artisti e ai Gruppi Emergenti e a creare nuova Occupazione.



Al Mei di fine settembre, che si terra’ dal 26 al 28 settembre a Faenza per i suoi 20 anni, si prepara infatti una clamorosa protesta: la cancellazione dei video da YouTube se proseguisse la campagna di aggressione della telefonia, del mondo del pc e dei social verso il mondo indipendente e gli artisti emergenti proseguendo a non pagare la filiera creativa musicale adeguatamente come merita e investendo risorse nel settore della musica che tanto profitto crea alle multinazionali della comunicazione e della diffusione.



Insieme alla riproposizione dell’appello per le quote di musica italiana in tv e radio. Infatti, L’appello e le tematiche saranno riproposte al Mei 2014 di Faenza con la presenza di 400 artisti, 200 espositori, 100 operatori del settore per interventi a convegni, presentazioni, corsi di formazione e tanto altro.





Chiediamo la creazione di un fondo straordinario di sostegno alla produzione musicale del nostro paese con particolare riferimento agli operatori del settore della nuova musica italiana che contribuisce a creare il futuro culturale e la nuova identita’ musicale del nostro paese nel mondo, insieme a provvedimenti reali che possano modernizzare e trasformare il grande patrimonio musicale e culturale del nostro Paese in una reale occasione di sviluppo, di lavoro e di crescita sociale.



AudioCoop

Coordinamento tra le Etichette Discografiche Indipendenti in Italia

Societa’ di Collecting riconosciuta dal Dipartimento Informazione ed Editoria della Presidenza del Consiglio

Il Comitato di Presidenza

(Giordano Sangiorgi, Luca Fornari e Giampiero Bigazzi)

Contatti:

E-mail: info@audiocoop.it

Sito: www.meiweb.it 

TORNA LA FESTA DELLA MONTAGNA - IL PROGRAMMA COMPLETO


http://www.gruppoalpinivarese.com/

Festa della Montagna al Campo dei Fiori
Da venerdì 8 agosto appuntamento con la tradizione: domenica 10 è in programma la Moto adunata.

La Festa della Montagna attende come ogni anno migliaia di visitatori al Campo dei Fiori. Gli organizzatori sono gli infaticabili Alpini di Varese. Una tradizione cresciuta nel tempo e conosciuta in tutta la Lombardia, grazie anche ad uno dei motoraduni, giunto alla 12esima edizione, più frequentati dagli appassionati.

La festa inizierà venerdì 8 a Ferragosto, «nell’intento - come dicono gli organizzatori - di continuare a promuovere il territorio montano della città di Varese». Funzionerà un ricchissimo stand gastronomico, anzi un vero e proprio “Rancio Alpino”. Si ricorda che il 15 agosto le auto non potranno accedere fino in cima: quindi si salirà in bus, a piedi, in bici o in moto (dalle 9 alle 18, divieto di transito in via Campo dei Fiori, ultimo tratto a partire dal’intersezione con via Del Ceppo).

«La nostra Festa della Montagna è davvero splendida – spiega il sindaco Attilio Fontana nell’opuscolo informativo distribuito dia promotori - Dico nostra perché è un vero “patrimonio” della città grazie all’impegno, lo spirito, le capacità, la professionalità e il grandissimo lavoro del Gruppo Alpini di Varese!. Con una passione che non viene mai meno gli Alpini organizzano il tradizionale appuntamento di agosto. La manifestazione assume significato ed importanza per tutti, per gli Alpini varesini e per i non Alpini che credono nei loro stessi valori. Particolare rilevanza assumerà la Santa Messa che il 15 agosto sarà celebrata in località Tre Croci a memoria di tutti i “Caduti senza Croce”. E poi: buona cucina, voglia di stare insieme, sotto le stelle al Campo dei Fiori e contatto diretto con la natura. Sono questi gli ingredienti del successo di una manifestazione che attira sulla cima della montagna migliaia di visitatori».

Venerdì 8 agosto, dopo l’apertura dello stand gastronomico alle 18, si cercheranno…le stelle di San Lorenzo. Sabato torneo benefico di burraco e alla sera concerto jazz, mentre i bambini si potranno divertire con una passeggiata a cavallo, dalle ore 16. Domenica la Motoadunata parte alle 10.15 per il giro cittadino (da piazza Repubblica). Arrivo e pranzo alle 13. La premiazione è alle ore 15: saranno premiati la moto più vecchia, il primo pilota lapino iscritto, la prima donna pilota iscritta, il pilota più giovane e il più anziano, il Moto club più numeroso. In settimana sono previsti laboratori per bambini e visite guidate sul tema Liberty e all’Osservatorio (a cura di Immagina e del personale dell’’osservatorio). Non mancheranno i canti alpini con il coro ANA Campo dei Fiori (12 agosto, ore 20.30). C’è anche la possibilità di effettuare visite guidate all’interno della Grotta Marelli (prenotazione obbligatoria). Tutte le info per visite e laboratori alla Festa.

PROGRAMMA

venerdì 8 agosto
dalle ore 18:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO
... a seguire cerchiamo le stelle di San Lorenzo
sabato 9 agosto
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO per l’intera giornata.
dalle ore15:30 - Torneo “benefi co” di Burraco. (*)
dalle ore 16:00 - Cavalli a disposizione dei bambini per una fantastica cavalcata
a cura della Scuderia Scerée di Bodio Lomnago.
dalle ore 18:00 - Santa Messa prefestiva
dalla ore 21.00 - Concerto Jazz, eseguito dai gruppo “THE BOLLING STONES”.
domenica 10 agosto
MOTO ADUNATA (vedi programma).
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO per l’intera giornata.
dalle ore 16:00 - Laboratorio Fanta/Ecologico “Gli Amuleti delle Fate e dei Folletti” by Lu Demo.
lunedì 11 agosto
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO per l’intera giornata.
dalle ore 16:00 - Laboratorio creativo per bambini con manipolazioni materiali
a cura di Immagina. (**)
dalle ore 18:00 - Visita guidata “iL LIBERTY AL CAMPO DEI FIORI”, a cura di Immagina. (**)
martedì 12 agosto
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO per l’intera giornata.
dalle ore 15:30 - Visita guidata all’Osservatorio Schiapparelli, prenotazione obbligatoria alla cassa
della Festa della Montagna entro le ore 12 del 12/8/14, a cura del personale dell’Osservatorio. (***)
dalle ore 20:30 - Concerto Coro ANA CAMPO DEI FIORI.
mercoledì 13 agosto
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO
per l’intera giornata.
dalle ore 15:30 - Visita guidata all’Osservatorio
Schiapparelli, prenotazione obbligatoria alla cassa
della Festa della Montagna entro le ore 12 del 13/8/14,
a cura del personale dell’Osservatorio. (***)
dalle ore 16:00 - Laboratorio creativo per bambini
con manipolazioni materiali a cura di Immagina. (**)
dalle ore 18:00 - Visita guidata
“iL LIBERTY AL CAMPO DEI FIORI”, a cura di Immagina. (**)
giovedì 14 agosto
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO
per l’intera giornata.
dalle ore 15:30 - Visita guidata all’Osservatorio
Schiapparelli, prenotazione obbligatoria alla cassa
della Festa della Montagna entro le ore 12 del 14/8/14,
a cura del personale dell’Osservatorio. (***)
venerdì 15 agosto
alle ore 11:00 - Santa Messa - Altare delle Tre Croci.
In memoria di tutti i caduti senza croce.
dalle ore 12:00 - Apertura STAND GASTRONOMICO
per l’intera giornata.
ore 8:30/10:00
Ritrovo
Piazza Repubblica (Varese)
ore 10:15
Termine iscrizioni e partenza per
giro cittadino
ore 11:30
Aperitivo offerto
dal Gruppo Alpini Varese
ore 13:00 circa
Arrivo previsto al Campo dei Fiori
e Pranzo alpino presso la “Festa
della montagna”
ore 15:00
Premiazione Motoadunata
Programma Moto
Programma “Festa della
TUTTI I GIORNI DELLA FESTA
IL SERVIZIO DI CUCINA CHIUDE ALLE ORE 23.00